Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

giovedì 18 settembre 2014

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/167

Prosegue dalla parte 166.


La minaccia dell'esercito del Mahdi...

Moqtada Sadr, se Usa tornano colpiremo

Leader sciita radicale, guerra a Isis non sia
pretesto

16 settembre 2014 08:33

(ANSA) Il leader sciita radicale Moqtada Sadr, il cui Esercito del Mahdi ha combattuto le forze americane in Iraq, ha minacciato di tornare ad attaccarle se Washington invierà truppe sul terreno. "Se tornerete, ritorneremo", ha affermato Sadr, mettendo in guardia il governo di Baghdad dal chiedere "l'aiuto degli occupanti, anche con il pretesto dell'Isis". In quel caso, ha detto, i volontari delle milizie sciite impegnati nei combattimenti contro l'Isis sunnita dovranno ritirarsi.


"Vecchi...Nuovi, Punti di vista"...

- Kissinger vuole la distruzione dell’Iran

Negando infine ogni aiuto, ad occidentali sponde...provando, forse, a salvaguardar i propri interessi, qualunque essi siano. Ma resta lì...nel mezzo...

La Turchia, bacino di reclutamento per

gli estremisti dell'Isis


16 Settembre 2014 - 13:15

Fino a mille turchi si sarebbero uniti al gruppo

(ASCA) - New York, 16 set 2014 - La Turchia, ponte tra Occidente e Oriente, passaggio per migliaia di aspiranti miliziani dell'Isis, ha negato agli alleati della Nato le proprie basi come punto di partenza dei raid e si e' detta disponibile solo a fornire aiuti umanitari, non soldati o armi per la battaglia contro gli estremisti sunniti. Scelte giustificate con la necessita' di salvaguardare la sicurezza nazionale e la vita dei 49 ostaggi turchi in mano all'Isis, da quando gli estremisti hanno conquistato Mosul, la seconda citta' irachena: una sua partecipazione attiva alla lotta potrebbe dar vita a una serie di attentati in Turchia e provocare la morte dei sequestrati. La Turchia, pero', oltre a costituire terra di passaggio per centinaia di europei e statunitensi intenzionati a combattere con l'Isis, e' diventata un ricco bacino di reclutamento per gli estremisti: fino a mille turchi si sarebbero uniti ai miliziani, secondo gli organi di stampa locali e i funzionari di Ankara; in tutto, secondo la Cia, il gruppo avrebbe a disposizione tra i 20.000 e i 31.500 combattenti. (segue) A24-Pca

Antiquate implementazioni...Assai letali...

- Missili balistici per i sottomarini Nord
coreani?


"FASE 3: Quando, ed in quali tempi, il prode Vladimiro di Russia, arriverà (anche se prima temo dovrà fare un salto in Siria)...finanche a Lisbona?"

Putin a Poroshenko: "Se voglio
in due giorni le mie armate a
Riga, Vilnius, Tallinn, Varsavia ,
Bucarest"


Secondo la Suddeutsche Zeitung questo avrebbe riferito il premier ucraino a Barroso

dal nostro corrispondente ANDREA TARQUINI

BERLINO - "Se voglio posso far arrivare in due giorni le mie armate a Riga, Vilnius, Tallinn, Varsavia, Bucarest". A parlare così non è stato Stalin in deliri di decenni fa. No, secondo lo scoop della Sueddeutsche Zeitung di stamane - che cita il servizio registrazione dei colloqui confidenziali al vertice dell'Unione europea - la minaccia viene dal presidente russo, Vladimir Vladimirovic Putin, in persona. O almeno, è stato il presidente liberamente eletto ucraino, Petro Poroshenko, a riferirlo al presidente uscente della Commissione europea, José Manuel Barroso, nel corso della visita di quest'ultimo a Kiev.

Continua su: repubblica.it

"Tanto per iniziare...a piccoli passi"...

Ucraina: allarme di Kiev, "la Russia
ammassa soldati in Crimea"


Putin alza la voce, le sanzioni occidentali violano i
principi del Wto

18 settembre 2014 13:14

Fiammata improvvisa sul 'fronte' orientale. La crisi ucraina torna infatti a impegnare la diplomazia europea, allarmata dalle ultime notizie diffuse dalle autorità di Kiev.

Mosca ha ammassato circa 4000 soldati di stanza nella Crimea del nord al "confine amministrativo" con l'Ucraina: lo afferma il portavoce militare ucraino Andrii Lisenko.

Continua su: ansa.it

Chissà...solo questioni di "Giusti tempi", o ('anche') altro di finanche "impensabile"?

- Obama dice No a Poroshenko niente
armi americane per Kiev



A seguire la parte 168.

Nessun commento: