Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

sabato 4 ottobre 2014

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/169

Prosegue dalla parte 168.


Quello a seguire, secondo me è un gran bell'articolo...

The Russia They Lost

La Russia Che Hanno Perso
( in inglese - slavyangrad.org ).


Lo sventolar di Nere bandiere e di taluni, il rimembrar di "vecchi errori"...nel finanche per certi versi estremo, bisogno...

Isis: WSJ, bandiera Califfo a porte Nato


Errore Obama? Non aver bombardato e abbattuto
il regime di Assad

07 ottobre 2014 17:00

(ANSA) - NEW YORK, 7 OTT - L'Isis, lo stato islamico guidato dal "califfo" al Baghdadi, "ha piantato la sua bandiera nera sulla porta di ingresso della Nato": così il Wall Street Journal sintetizza ciò che accade al confine tra Siria e Turchia, dove i jihadisti stanno per prendere la città di Kobane e hanno già issato la loro bandiera poco distante.
"Una bandiera ben visibile da dentro la Turchia, stato membro della Nato". Per il Wsj l'errore più grande di Obama è quello di non essere intervenuto contro Assad.

- Per combattere lo Stato Islamico
Obama sceglie la Turchia e non l’Egitto.
Un errore della Casa Bianca?


Mentre..."Esplosive notizie", giungan dall'Iran...

- Iran esplosione nel sito di ricerca militare di Parchin

"Casuali Errate strategie e/o Segnate vittorie...'Come da Copione'?"

- Il Califfo ha già vinto (se l’America non cambia strategia)

Dure, palesi dichiarazioni...chiaramente indirizzate...

- Putin: Obama è ostile alla Russia

Conoscendo i mezzi, ed i Possibili utilizzi...

- I Sottomarini Classe Kilo

"Magari...prima di testarli su Reali campi"...

- Caccia ad un sottomarino al largo di
Stoccolma. Guerra Fredda nel Baltico


Annuali incontri russi a tema...

Sochi, meeting del Valdai Club: ordine
mondiale e crisi Ucraina


22 Ottobre 2014 - 10:36

In attesa di Putin, dibattito geopolitico

(ASCA) - Sochi, 22 ott 2014 - "Ordine mondiale: Nuove regole o nessuna regola?" Con questa domanda come filo rosso per tre giorni di dibattito, e la crisi Ucraina sullo sfondo, si e' aperto oggi a Sochi il meeting annuale del Valdai Club, forum internazionale a cui partecipano analisti, accademici, giornalisti esperti di Russia da tutto il mondo. In attesa del tradizionale incontro con il presidente Vladimir Putin, il Valdai propone quest'anno un confronto "cercando di guardare un po' avanti, a cosa possono portare tutte le crisi e gli eventi ai quali stiamo assistendo", come ha proposto durante la prima sessione Igor Ivanov, gia' segretario del Consiglio russo di Sicurezza, oggi presidente del Consiglio russo Affari internazionali. Equilibri mondiali, regole da rivedere o da cercare di "riconfermare", partendo dalla constatazione che l'ordine globale uscito dalla guerra fredda non regge piu' e dalle sue falle emergono continuamente nuovi conflitti.

Continua su: asca.it

Ipotizzando Scenari sul fine di taluni, a toccar...anche indirettamente, Mediterranee coste europee...

- Da Mosca a Belgrado il corridoio balcanico pensato da Putin

Crisi già esplose e sempre più vicine al punto di divenir convergenti nel segno della guerra, finanche di religione...

- La Libia sull’orlo del baratro

Gerusalemme: Netanyahu chiude la
Spianata, Abu Mazen: ''è dichiarazione
guerra"


Tensione altissima nella Città Santa dopo
l'attentato a rabbino Glick e l'uccisione di un
palestinese

30 ottobre 2014 12:56

E' una dichiarazione di guerra da parte di Israele contro il popolo palestinese la decisione di chiudere la Spianata delle moschee a Gerusalemme. Lo ha detto il presidente palestinese Mahmud Abbas (Abu Mazen) citato dall'agenzia ufficiale Wafa. "Riteniamo il governo israeliano responsabile per la pericolosa escalation a Gerusalemme occupata dovuta alla (decisione della) chiusura oggi la Spianata delle moschee", si legge nel comunicato letto da un portavoce della presidenza palestinese. "La decisione di chiudere la spianata per la prima volta è una sfida sfrontata e un comportamento pericoloso che causerà più tensione e instabilità", prosegue il comunicato. "Lo Stato di Palestina prenderà tutte le misure legali necessarie perché Israele risponda di questa decisione e metta fine a queste ripetute aggressioni". Abu Mazen si è infine rivolto alla "comunità internazionale" perché "prenda immediate misure per far cessare questo attacco... la continuazione dell'aggressione e della pericolosa escalation israeliana - ha concluso - è come un annuncio di guerra contro il popolo palestinese e i suoi luoghi santi, e contro l'intera comunità arabo-islamica".

Continua su: ansa.it

Il vero fine dei barbari...la devastazione anche, se non soprattutto della Storia...

Iraq: Unesco, barbara distruzione arte

Un tesoro di migliaia di templi, palazzi e siti
archeologici

02 novembre 2014 18:56

(ANSA) - Il Direttore Generale dell'Unesco, Irina Bokova, ha condannato oggi a Baghdad la "barbara" distruzione del patrimonio culturale in Iraq, dove i jihadisti hanno distrutto gli antichi siti nei territori sotto il loro controllo. L'Iraq ha "migliaia di templi, palazzi, siti archeologici e oggetti che sono una ricchezza per tutta l'umanità", ha detto Bokova. "Non possiamo permettere che questo tesoro, l'eredità della civiltà sia distrutta nel modo più barbaro".


A seguire la parte 170.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Due notizie.

Una di un paio di giorni fà.

SIRIA, RIBELLI CONQUISTANO
IL CENTRO DI SPIONAGGIO
ELETTRONICO RUSSO AL
CONFINE CON ISRAELE


E la seconda di oggi.

Pubblicato il: 8 ottobre, 2014

Putin: “la Russia difenderà la Siria anche
a costo di scontrarsi con le marionette
americane: Arabia Saudita e Qatar!”


Parlando a margine del quarto vertice del Litorale del Mar Caspio nell’Astrakhan, il presidente russo, Vladimir Putin, ha avvertito la Casa Bianca a desistere dal sostenere i terroristi islamici che operano in Iraq e in Siria, ha riferito l’agenzia di stampa Isna.

Continua -> statopotenza.eu


Saluti.

EXTREME :)