Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

giovedì 30 agosto 2012

La Morte di Un Eroe dell'Era Spaziale

SPAZIO

E' morto Neil Armstrong
Il primo uomo sulla
Luna


L'ex astronauta aveva 82 anni. Nel luglio del 1969 condusse la missione di allunaggio dell'Apollo 11.
Nella storia le sue parole: "E' un piccolo passo per l'uomo, ma è un grande balzo per l'umanità"



WASHINGTON - All'età di 82 anni è morto Neil Armstrong, il primo uomo che, il 20 luglio del 1969, mise piede sulla Luna dopo aver condotto la missione di allunaggio dell'Apollo11. A dare la notizia è stata la rete americana Nbc. Armstrong aveva subito un intervento chirurgico di quadruplo bypass coronarico lo scorso 7 agosto, due giorni appena dopo aver compiuto 82 anni. Il 6 un esame medico aveva rivelato la parziale occlusione nelle arterie che portano il sangue il cuore. Nella storia le sue parole: "Un piccolo passo per un uomo, un grande balzo per l'umanità".
Per il presidente degli Stati Uniti Barack Obama "se ne va uno dei più grandi eroi americani di tutti i tempi". Uno dei suoi due "compagni di viaggio", Buzz Aldrin, ha affidato a Twitter il suo ricordo: "Eravamo buoni amici", ha scritto, "saremo legati per sempre".

Neil Armstrong nacque il 5 agosto 1930 in Ohio figlio di Stephen Koenig Armstrong e Viola Louise Engel, famiglia di origine tedesca. Il suo primo volo fu all'età di sei anni, su un piccolo velivolo in una fiera paesana, dimostrando però così la sua grande passione per l'aria. Combattè come pilota di jet per la marina militare americana nella guerra di Corea. terminando quel conflitto con ben 72 missioni al suo attivo.
Ha frequentato la Purdue University, dove si laureò in ingegneria aeronautica nel 1955. Diventò pilota civile e per la NASA testò l'X-15, in grado di raggiungere i 6.401 km/h.

Fu selezionato come astronauta nel 1962. Per il Programma Gemini comandò la missione Gemini 8, che fu la prima che vide l'aggancio di due oggetti orbitanti, nel 1966, ma subito dopo l'aggancio la missione fu interrotta a causa di un malfunzionamento dei propulsori di manovra.
Solo la freddezza di Armstrong - un guasto a un propulsore iniziò a farla roteare a grande rapidità - evitò la tragedia. Il comandante usò un sistema di riserva e la riportò sotto controllo, atterrando nel Pacifico.
Nel 1968 fu comandante dell'equipaggio di riserva nella missione Apollo 8, che prevedeva anche orbite lunari.

Il 6 maggio 1968 sfuggì miracolosamente alla
morte in un incidente durante una esercitazione
con il simulatore volante LLRV (Lunar Landing Research Vehicle). Nel luglio 1969, Armstrong
comandò la missione di allunaggio Apollo 11.
Durante la fase di avvicinamento, Armstrong prese i controlli manuali del modulo lunare Eagle e lo pilotò fuori da una zona particolarmente rocciosa. Le sue prime parole furono, "Houston, qui Base della Tranquillità. L'Aquila è atterrata".
Quasi sette ore più tardi, il 21 luglio, uscì dal Lem e divenne il primo essere umano a camminare sulla Luna.

Dopo il trionfale allunaggio e il ritorno a terra, che coronarono il programma spaziale Usa lanciato da John F. Kennedy, Armstrong sparì di fatto dalla vita pubblica. Lasciò la Nasa e andò ad insegnare ingegneria all'Università di Cincinnati; più tardi avrebbe fatto parte di consigli di amministrazione di varie aziende aerospaziali. Il 13 agosto 1969 il Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon gli assegnò la Medaglia presidenziale della libertà, la più alta onorificenza civile americana.

Armstrong ricomparve in pubblico per il 30.mo anniversario dell'impresa dell'Apollo 11, quindi per il quarantennale, in occasione del quale lui, Aldrin e Collins furono ricevuti dal presidente Barack Obama.
Lo scorso novembre era stato insignito, insieme ai compagni, della Medaglia d'oro del Congresso, la più alta onorificenza civile statunitense.

E' stato membro delle commissioni che indagarono sull'incidente dell'Apollo 13 nel 1970 e dello Space Shuttle Challenger nel 1986.

Della conquista della Luna disse: "La cosa più importante della missione Apollo fu dimostrare che l'umanità non è incatenata per sempre a un solo pianeta, e che le nostre visioni possono superare quel confine, e che le nostre opportunità solo illimitate".

Link articolo con approfondimenti, su: repubblica.it

Riposa in Pace, Eroe.

La tua impresa...tu, che scendevi quella scaletta, fino all'ultimo piolo, la tua orma sul suolo lunare, le tue parole di quel solenne momento, è...ancor Ora, "il Primo", Nitido...Vivo, ricordo...della mia Esistenza.

Ma...di quell'avventura e di alcune ombre, "la tua Verità, ora non potrai più raccontarci"...

FIRST MAN ON MOON DIES
ALONG WITH SECRETS OF
WHAT HE SAW

IL PRIMO UOMO SULLA LUNA È MORTO INSIEME CON I SEGRETI DI CIÒ CHE HA VISTO


La rivista Modern People ha pubblicato ciò che loro affermano essere le fotografie di due UFO scattate da Buzz Aldrin mentre stava osservando l'Apollo 11 sulla luna nella loro edizione (della rivista) del Giugno 1975.


( in inglese - exopolitics.org ).

Ed ancora, dalla medesima fonte...

Did Armstrong & Aldrin receive
death threats to keep moon
secrets?

Armstrong E Aldrin hanno di fatto ricevuto minacce di morte al fine di tenere i segreti lunari? ( in inglese - news.exopoliticsinstitute.org ).

Neil Armstrong fu minacciato di
morte per custodire i segreti lunari

Nessun commento: