Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

sabato 20 luglio 2013

"Il Ritrovar di Piramidi Perdute...Confermando anche, Napoleoniche tracce."

Egitto, il mistero delle piramidi
perdute: "Le ho trovate con Google
Earth"




Una delle più grandi scoperte archeologiche degli ultimi anni potrebbe essere stata fatta usando Google Earth. L'archeologa Angela Micol ritiene di aver individuato piramidi egizie nascoste dalla sabbia in due siti: uno nei pressi della città di Abu Sidhum e l'altro circa 130 chilometri più a nord, nel Fayum. Sarebbero (il condizionale è d'obbligo) in tutto 17, una di queste potrebbe essere stata addirittura tre volte più grande della colossale piramide di Cheope a Giza. Micol vive nella Carolina del nord e la sua rivelazione è stata accolta con molto scetticismo dagli archeologi di tutto il mondo. Anche se il metodo di ricerca non è nuovo: si basa sull'analisi delle cosiddette "anomalie" che si riscontrano sul terreno e che sono più facilmente individuabili con foto aeree o satellitari. Segni di strutture con forme più o meno regolari, difficilmente riscontrabili in natura e frutto evidentemente della mano dell'uomo. Il fatto di aver scoperto nuove piramidi, molto più a sud rispetto alle posizioni di quelle già conosciute, e soprattutto una addirittura tre volte più grande di quella di Cheope, ha messo tutti quanti sul chi va là. La scoperta di Angela Micol sarebbe però confermata anche da una serie di mappe antiche (una tracciata da un ingegnere al seguito di Napoleone Bonaparte), che indicherebbero l'esistenza di questi monumenti nella posizione in cui sono stati individuati dalla ricercatrice statunitense. E alcune passate ricognizioni sul terreno avrebbero rilevato presenza di metallo all'interno di quelle stesse 'collinette'. Nonostante la suggestione e l'interesse che susciterebbe una scoperta di questo tipo, solo una campagna di scavo, sistematica, potrà togliere ogni dubbio se sotto quelle che sembrano solo dune di sabbia si nascondano antiche sepolture tra le quali la più grande piramide egizia mai costruita

(a cura di Matteo Marini)


Il sito di Abu Sidhum, dall'immagine satellitare si notano cinque strutture: la più grande, in basso, ha forma triangolare. Potrebbe trattarsi della più grande piramide mai scoperta


Link articolo con fotogallery (8): repubblica.it

Racconta...o mondo, senza torpore,
delle tecnologiche gesta, di osservante donzella,
a confermar mappe di antichi viandanti...
e leciti dubbi, a curiosi...Sognanti.




Collegamenti:

- I Segreti della Grande Piramide

Nessun commento: